Alla apple è tutta questione di baffi

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Riporto un breve aneddoto tratto dal libro “The insanely great story of How The Mac was made”.

Il libro è costituito da una serie di mini racconti sullo sviluppo del Macintosh e sulle persone che lo hanno realizzato.

[banner]

Burrel fu assunto nel febbraio 1979 come impiegato apple numero 282, nella più umile posizione possibile, quella di tecnico, uno dei lori meno pagati nella compagnia. Anche se eva fatto un loro di qualità lorando come progettista hardware del Macintosh (per più di 9 mesi), Burrel non fu mai promosso ad ingegnere come da lui richiesto, e ciò sta diventando abbastanza frustrante.
Burrel iniziò a pensare a cosa rebbe dovuto fare per ere la promozione. Ovviamente non si tratta di un problema di talento o di competenze tecniche, visto che era già molto anti rispetto agli altri ingegneri hardware. Non si tratta di lorare duro, visto che Burrel già lora sodo ed era produttivo più degli altri. Infine, notò qualcosa che la maggiorparte degli altri ingegneri evano in comune ma che a lui manca: loro altri evano dei prominenti baffi. E notò che i manager tendevano ad ere baffi ancora più grandi. Tom Whitney, il capo, eva i baffi più larghi di tutti.
Così Burrel cominciò immediatamente a farsi crescere i baffi. Ci mise quasi un mese. E infatti, quel pomeriggio, fu chiamato nell’ufficio di Tom Whitney e gli fu detto che era stato promosso come ingegnere a pieno titolo.

apple