Chi non conosce Nastro Azzurro, alzi pure la mano.

Quando ci hanno proposto di promuovere un evento che unisce innovazione a cultura, non ci siamo potuti tirare indietro. Ma di cosa si tratta?

Con un cuore napoletano, Nastro Azzurro è la birra premium italiana più bevuta al mondo; presente in oltre 70 Paesi è la birra maggiormente richiesta nei locali più cool delle capitali estere. Ed è proprio questo ciò che vi raccontiamo, cioè la voglia che Nastro Azzurro ha avuto di promuovere il made in Italy sostenendo quella che si definisce la Moving Forward Generation: italiani che  guardano al futuro reinventando le tradizioni.

Nastro Azzurro Live è un network che unisce più discipline insieme, in un connubio di arti, musica e spettacolo che riescono a tradursi in un particolare storytelling del nostro territorio. Musicisti, band, designer, dj, fotografi, bartender e startupper danno vita ad eventi per dare vita a eventi che raccontano il futuro, con i protagonisti della scena indipendente italiana ma anche influencer e ambasciatori nel mondo delle discipline più di tendenza, come il top mixologist Giorgio Chiarello.

Quest’anno Bomba Dischi, label di riferimento dell’indie italiano, collabora con Nastro Azzurro Live promuovendo alcuni degli artisti più interessanti del momento: Giorgio Poi, Germanò, Mèsa e Francesco De Leo.

Per maggiori informazioni su questo progetto, visita il sito ufficiale di Nastro Azzurro Live.

Stava calando il sole sugli anni ’90 e mentre guardavamo in Vhs la trilogia di Jurassic Park, sognavamo di visitare un parco divertimenti del genere. Nel frattempo altri giochi ci permettevano di simulare la gestione di parchi a tema (Theme Park) e di Ospedali (Theme Hospital).

Oggi, però, con il rinnovamento del franchise e con l’uscita al cinema del secondo capitolo della trilogia (si spera) di Jurassic World intitolato Fallen Kingdom, i giocatori di tutto il mondo possono costruire il loro parco a tema dinosauri e lanciarsi alla scoperta di nuove, ma che dico, antichissime forme di vita!

Vi raccontiamo la nostra esperienza con Jurassic World Evolution – Deluxe Edition.

Iniziare a giocare

Jurassic World Evolution è un gioco che all’inizio può crearvi qualche perplessità in quanto veniamo immediatamente lanciati nell’azione. Un breve video introduttivo dal carattere emozionale ci trasporta nei primi minuti di gioco dove, senza un vero e proprio tutorial di gioco, ci troviamo subito ad affrontare i primi problemi manageriali sulla leggendaria Isla Nublar.

Le prime missioni sono relativamente semplici in quanto dovremo sottoporre la nostra attenzione a tre particolari prospettive di lavoro: la ricerca scientifica, il settore dell’intrattenimento e la salvaguardia della specie. Dovremo perciò scegliere un team di esperti che ci guiderà durante le prime fasi di gioco e ci introdurrà alle missioni principali. Un centro di ricerca sarà utile nelle prime fasi di gioco per capire come sintetizzare il DNA dei dinosauri estratto dai fossili che sono stati scoperti durante le missioni dal nostro centro di esplorazione. Ci troveremo quindi, nelle prime ore di gioco, a creare un loop di esplorazione, ricerca, estrazione DNA e creazione delle prime specie disponibili e, in men che non si dica, numerosi visitatori inizieranno ad affollare le strade del nostro parco a tema!

Dovremo perciò pensare anche a loro e iniziare a costruire una serie di facilities come alberghi, fast food, e negozi di merchandising per i quali potremo decidere quanto personale allocare e quanto dovranno costare i prodotti venduti. I problemi, verranno poi quando i triceratopi inizieranno a sfondare le reti di contenimento o quando i ceratosauri (primi carnivori a cui dare vita) inizieranno a litigare peggio di un gruppo di tamarri imbruttiti.

Per questo motivo dovremo poi costruire un centro di “contenimento” che servirà a sedare i dinosauri e a calmare le acque nel nostro parco a tema.

Jurassic World Evolution è un titolo che non sta solo a guardare alla meccanica di  gioco: le animazioni spettacolari in CGI e il motore grafico ingame la fanno da padrone, soprattutto quando, provare per credere, avvicineremo la telecamera per guardare più da vicino i dinosauri o, semplicemente, ci metteremo ad osservare le acque cristalline del mare dall’alto.

Se è vero che “la vita trova sempre un modo”, i personaggi del film a partire da Jeff Goldblum nei panni del Dr. Ian Malcolm, vi guideranno nelle scelte e nelle decisioni tattiche che modificheranno l’andamento e l’impatto del vostro mondo perduto. Bryce Dallas Howard sarà il vostro operations manager e  troverete anche Claire Dearing e  il Dr. Henry Wu in questa nuova storia.

La completezza del gioco

Durante le fasi successive del gioco potrete esplorare ulteriori isole nell’arcipelago come Isla de la muerte e iniziare a conoscere le prime problematiche relative al clima e alle tempeste, elementi che potranno distruggere la quiete nel vostro parco, far bloccare l’energia elettrica e permettere ai pericolosi indominus rex o ai tirannosauri di uscire dalle gabbie e iniziare a fare bisboccia, masticando qualche allegro turista come gioco aperitivo.

Non è presente soltanto il classico aspetto manageriale con vista aerea, ma potremo anche comandare alcuni elementi ingame come ad esempio la squadra operativa. Guidare una Jeep all’interno del parco per andare a scattare fotografie alle specie, sparare qualche tranquillante e sistemare collegamenti elettrici è il valore aggiunto che regala questo gioco, oltre all’aspetto di puro business.

DLC ed extra

Nella versione Deluxe sono presenti altri dinosauri aggiuntivi come Include questi dinosauri: Styracosaurus, Crichtonsaurus, Majungasaurus, Archaeornithomimus e Suchomimus ma nella successiva release del 22 giugno saranno disponibili 6 nuovi dinosauri apparsi nel film Jurassic World: Fallen Kingdom™, inclusa la più spaventosa creazione del Dr. Wu: l’Indoraptor.

Jurassic World Evolution è disponibile per PC, PlayStation 4  e Xbox One in digitale. Sarà disponibile su Amazon a questo link dal 3 Luglio 2018.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Sono trascorse ormai 4 decadi dall’uscita al cinema di Dawn of the living dead del maestro George Romero, ma il genere Zombie non sembra voler invecchiare, anzi, trova sempre il modo di ringiovanire i già vigorosi franchise che ne hanno sancito la fortuna.

Non è un caso che nel Gennaio 2019 potremo tornare tutti a Raccoon City per goderci la rivisitazione dell’agghiacciante RESIDENT EVIL® 2 questa volta con un’esperienza narrativa più profonda e ricreato da zero con RE Engine, il motore di gioco proprietario di Capcom.

L’originale Resident Evil 2 è stato uno dei videogiochi più influenti di tutti i tempi e tra i più acclamati dalla critica introducendo molte esperienze indimenticabili e alcuni dei personaggi più memorabili del franchise Resident Evil – che ha venduto oltre 83 milioni di copie in tutto il mondo. Il titolo uscì originariamente nel 1998 sulla console PlayStation®, proseguendo la trama del primo Resident Evil® e puntando sull’esplorazione action-horror, la risoluzione dei puzzle e le meccaniche di gameplay come elementi unici che hanno definito la serie.

Sono passati vent’anni e finalmente, con il nuovo Resident Evil 2, l’incubo torna più spaventoso che mai grazie ad un livello di immersione senza precedenti, come dimostrato dal recente acclamato Resident Evil 7 biohazard. Grazie al RE Engine il gioco vanterà un nuovo stile fotorealistico con una nitidezza effetto “gore-bagnato”.

Anche l’AI degli zombie è migliorata, mai più attese! Ora gli zombie reagiranno alle azioni del giocatore in tempo reale, ricevendo danno visibile da ogni singolo proiettile usato. Un nuovo sistema di illuminazione porterà a nuova vita le già conosciute stanze e corridoi del dipartimento di polizia di Raccoon City.

Torneremo nei panni di Leon e Claire, terrorizzati dall’idea di abbandonare la sicurezza delle zone illuminate!

“Quando nel 2015 abbiamo detto che avremmo realizzato un nuovo “Resident Evil 2” abbiamo ricevuto una reazione travolgente dai fan e dalla stampa. Eravamo impazienti di mostrarlo al mondo questa settimana,” ha dichiarato Yoshiaki Hirabayashi, Producer di Capcom. “Vogliamo che i fan vedano che questa rivisitazione di Resident Evil 2 non cattura solamente la magia del tanto amato capitolo originale, ma ne espande i contenuti offrendo un’esperienza più ricca. Questa prima anticipazione dell’E3 è solo un assaggio di quello che vi aspetta.”

Resident Evil 2 porterà l’orrore su PlayStation®4, Xbox One (compreso il supporto per Xbox One X) e Windows PC dal 25 gennaio 2019.

 

 

 

 

Sono state tante le novità dopo la conferenza di Sony alla convention E3 e già stiamo preparando i fondi per acquistare le fantastiche novità che arriveranno a partire dal prossimo autunno. Ma una delle novità più interessanti è stata sicuramente Control.

Il celebre studio di sviluppo finlandese Remedy Entertainment, Plc., e il publisher 505 Games, hanno svelato il loro nuovo attesissimo videogioco precedentemente conosciuto con il nome in codice “P7.” Dai creatori di Max Payne e di Alan Wake arriva Control, un titolo action-adventure in terza persona che unisce gli scontri a fuoco che hanno reso celebri i precedenti videogiochi di Remedy con le abilità soprannaturali. Control, svelato nel corso della conferenza stampa ufficiale di Sony PlayStation E3 – dove è stato mostrato per la prima volta in esclusiva il trailer di debutto – è ambientato in un mondo unico e in continua mutazione che contrappone la nostra realtà con tutto ciò che è strano e inspiegabile.

Ecco la storia:

Un’agenzia segreta newyorkese è stata infiltrata da una terribile minaccia ultraterrena, i giocatori interpreteranno il ruolo di Jesse Faden, il nuovo direttore dell’agenzia che dovrà tentare di riprenderne il controllo.

Con esperienza di gioco in stile sandbox, in cui il gameplay – esaltato dal motore grafico proprietario Northlight – assume un ruolo fondamentale, richiede al giocatore l’abilità di essere in grado di padroneggiare poteri soprannaturali, equipaggiamenti modificabili e ambienti di gioco reattivi mentre affronterà gli oscuri e misteriosi mondi che caratterizzano Control.

Control rappresenta un nuovo ed elettrizzante capitolo della nostra storia e vuole essere il nuovo punto di riferimento per i giochi targati Remedy. Control esalta la nostra abilità nel creare mondi coinvolgenti che permettono al giocatore di sentirsi al centro dell’esperienza di gioco,” ha dichiarato Mikael Kasurinen, Game Director di Control. “Uno degli elementi chiave per Remedy è stato quello di assicurare più libertà di azione nel gameplay permettendo di sperimentare il gameplay al proprio ritmo di gioco preferito”

“Fin dai nostri primi incontri con Remedy siamo rimasti profondamente ispirati dalla visione di questo progetto, siamo orgogliosi di poterli aiutare a far sì che Control prenda vita e arrivi alla community dei giocatori,” ha affermato Neil Ralley, presidente di 505 Games. “Siamo fiduciosi che questo videogioco rappresenterà un altro grande successo per le nostre aziende.”

Control arriverà per PlayStation 4, Xbox One, e PC (via Steam) nel 2019. Per maggiori informazioni e per seguire gli aggiornamenti ecco il sito ufficiale: www.controlgame.com.

Se sei un freelance allora “Tutto esaurito. Come avere la coda di clienti fuori dalla porta” può fare per te.

Il libro è fondamentalmente diviso in due parti, una teorica decisamente più accattivante e l’altra più pratica, forse meno interessante e con pochi spunti reali di riflessione. In ogni caso questo testo si basa sulle campagne di marketing per una business definito Campaign Driven Enterprise che hanno arricchito l’autore e l’hanno reso un vero guru del settore.

Ma cosa significa essere “oversubscribed”?

Spesso la scelta migliore è dire di no ad un cliente anche se la cosa può risultare dolorosa. Non è possibile gestire tutti i compratori del nostro prodotto e dobbiamo imparare a definire il nostro pubblico sviluppando un’attivita e un marchio che consente di migliorare il nostro prodotto e la nostra vita. Esistono 7 principi per generare una domanda che superi l’offerta e nel libro sarà possibile imparare a sviluppare il mercato e a pianificare delle campagne di marketing.

Conosco dei ragazzi che a 20/22 anni hanno guadagnato già alcune decine di migliaia di euro grazie a metodi del tutto simili a quelli raccontati nel libro. Un prodotto interessante per chi ha bisogno di uscire dallo stress della ricerca dei clienti e trovare la sua nicchia di mercato.

Trovi Tutto esaurito a questo link su Amazon

Tra tutti i giochi che vanno giocati su Nintendo Switch la versione di Max: The curse of brotherhood è sicuramente un titolo da recuperare.

Max: The curse of brotherhood è un puzzle-platform che nasce come sequel di Max & the Magic Marker, un gioco uscito qualche tempo fa anche su Nintendo DS. Il gioco si apre con una bellissima animazione in stile Pixar, nella quale vediamo Max esasperarsi dinanzi all’ennesimo tentativo di suo fratello minore Felix di fargli perdere la pazienza. Per questo motivo, come biasimare il giovane Max per aver cercato su “Giggle” il modo per allontanare il piccolo di famiglia dalla sua cameretta? La lettura ad alta voce di un incantesimo arcaico aprirà un portale nel quale Felix viene risucchiato e darà inizio all’avventura di Max, in un mondo magico e pieno di nemici da sconfiggere.

Vi dirò la verità, non si tratta di un gioco particolarmente difficile, tanto che con un bel po’ di abilità è possibile concludere l’intero walkthrough in circa 3 ore, ma prendendovela con calma il gioco durerà almeno 7 o 8 ore.

Suddiviso in alcuni capitoli, il gameplay è strutturato in mondi a tema come foreste e zone vulcaniche in un’avventura che aumenta di intensità man mano che ci avviciniamo al nostro obiettivo finale.

Su switch, in ogni caso, la parte migliore è quella in cui dobbiamo utilizzare una “penna” per risolvere alcuni puzzle. Se per Xbox One e Playstation 4 venivamo aiutati dal pad o dal sensore touch, stavolta sembra che la Switch sia la console definitiva per far girare questo gioco.

Difatti, il livello di esperienza in modalità portatile con il touch screen aumenta notevolmente quando dobbiamo utilizzare l’intera console per poter andare avanti, interagendo con gli oggetti presenti nel gioco. Ci troveremo così ad alzare piattaforme per poter procedere, a creare forme con l’acqua o a spostare oggetti intorno a noi.

La limitazione del gioco sta forse nell’impossibilità di poter interagire con tutti gli elementi intorno a noi, ma per qualche minuto di divertimento non ci si fa nemmeno tanto caso.

La struttura dei puzzle e dei boss non è particolarmente complessa, tanto che se avete un po’ di dimestichezza con i giochi di Mario come l’ultimo Super Mario Odissey, vi troverete a risolvere alcuni livelli con particolare facilità.

In definitiva è un gioco che non brilla per storytelling ma è da provare soprattutto per le ambientazioni e per il design che risulta davvero eccezionale, un piacere per gli occhi.

Si tratta di un gioco che consigliamo a un pubblico di giovanissimi ma che fa divertire anche chi cerca un titolo per Switch che non costi troppo e consenta di far passare il tempo in attesa al gate dell’aeroporto attraverso magici mondi.

Trovi Max: The Curse of brotherhood su Amazon a questo link

 

Oggi vi parliamo di QuiPoste un servizio pratico e veloce che vi permetterà di risparmiare molto tempo nelle vostre faccende quotidiane.

QuiPoste è una rete nazionale di uffici postali privati che, oltre ad offrire servizi postali, gestisce anche attività di corriere espresso, servizi di pagamento e servizi al cittadino in genere.

I servizi offerti da QuiPoste sono caratterizzati dall’elevato rapporto qualità-prezzo, dovuto all’elevata competitività dei prezzi offerti. Inoltre, tutti i servizi di spedizione proposti da QuiPoste, offrono un sistema infallibile di tracciabilità dei pacchi gestito direttamente dall’ufficio che offre il servizio ed è visibile sul sito QuiPoste inserendo il codice operazione.

I servizi spaziano da Posta raccomandata, ordinaria e posta massiva a spedizione, fermo e deposito pacchi. Inoltre potrete utilizzare i servizi finanziari( Prestiti personali, mutui ipotecari ) e quelli di Facile.it per richiedere informazioni su come risparmiare sulla bolletta di luce, gas, ADSL e telefono.

Hai bisogno di aiuto per la fatturazione elettronica per la pubblica amministrazione? Vai da QuiPoste e sei nel posto giusto: troverai tutti i servizi per il sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di eliminare per sempre il supporto cartaceo e i relativi costi di stampa e di spedizione;

Abbiamo trovato molto utile il servizio di stampa, ricerca e prodotti da ufficio quando siamo rimasti senza internet per una settimana intera. Questa cosa ci ha permesso di continuare il nostro lavoro utilizzando i servizi internet e di stampa direttamente in filiale.

Da QuiPoste è inoltre possibile utilizzare il servizio di visure e ricerche che permette di avere informazioni importanti su una specifica persona fisica o giuridica ed effettuare pagamenti e ricariche per Bollettini bianchi e premarcati, MAV e RAV, PagoPa, Ricariche Postepay, ricariche telefoniche e trasferimento di denaro.

Opportunità di investimento

Se sei alla ricerca di una nuova attività su cui investire, ti annunciamo che QuiPoste è un servizio in espansione continua! Infatti ogni settimana centinaia di aspiranti imprenditori si mettono in contatto per avere maggiori informazioni ed ogni mese la rete QuiPoste si accresce di nuovi uffici operativi. Oggi sono più di 60 in tutta Italia ad aiutare i cittadini nelle loro operazioni quotidiane!

Se vuoi diventare affiliato QuiPoste dovrai confrontarti con una valutazione accurata e una procedura di attivazione che richiede diverse settimane. Fondamentale l’attitudine del candidato all’attività imprenditoriale.

Per ulteriori informazioni visita il sito di QuiPoste!

 

 

Signori, non immaginavamo che un simulatore sulla gestione agricola potesse essere così divertente.

Pure Farming 2018 è un simulatore di azienda agricola nel quale è possibile utilizzare tutte le ultime tecnologie e macchinari originali all’avanguardia per lanciarsi a capofitto nelle attività che vanno dalla coltivazione del suolo e delle colture all’allevamento di bestiame e alla produzione di energia pulita.

Per chi è sempre stato incuriosito dalla vita di campagna e vuole provare cosa significa gestire una vera azienda agricola, Pure Farming 2018 può darne la possibilità senza sudate e stanchezze aggiunte.

Ambientato in luoghi come Italia, Germania, Asia e le due Americhe in Pure Farming 2018 è possibile piantare colture specifiche e giocare in tre modalità differenti: Coltivazione LiberaLa mia prima fattoria e, soprattutto, Sfida di Coltivazione.

Ci siamo approcciati a questo gioco con tutti i dubbi e le perplessità del caso ma, in generale, la sensazione che si ha fin dai primi minuti di gioco (se non ti sei mai approcciato a un simulatore del genere) è quella di trovarsi davanti ad una mix tra Grand Theft Auto 3il giardino Zen che conservi sulla mensola in ufficio.

Tutto ciò può sembrar banale, ma la realtà supera la fantasia quando il primo tutorial di gioco, con indicazioni tramite un tablet personale del protagonista, vi consente di effettuare le prime operazioni di raccolta con gli automezzi fino alla prima vendita sul mercato dei nostri prodotti.

Con un livello di dettaglio più alto di quello richiesto solitamente da un simulatore gestionale, Pure Farming  2018 è possibile guidare veicoli agricoli autentici dei leader del settore come Zetor, Landini, McCormick, Gregoire, DAF, Mitsubishi e molti altri. Inoltre è possibile provare tutto ciò che immaginate dell’agricoltura moderna, come l’allevamento, i frutteti, le serre, la coltivazione dei campi, l’energia pulita e altro ancora.

Noi, a dire il vero, siamo sempre stati affascinati dal mondo della coltivazione della vite: grazie a Pure Farming 2018 siamo riusciti a coltivare il nostro vigneto per la produzione di un’ottimo vino virtuale. Ci viene ancora da sorridere scrivendo questa recensione, ma l’esperienza è simpatica quanto rilassante.

Il processo di fruizione di questo gioco non è tanto legato al raggiungimento degli obiettivi: la modalità di coltivazione libera si pone su un livello di otium indescrivibile. Potete giocare per molto tempo senza nemmeno accorgervene, scaricando lo stress della giornata.

Ecco un video illustrativo di Pure Farming 2018, disponibile su Amazon per PC, Ps4 e Xbox One.

 

Abbiamo stretto una breve collaborazione con CreaProducts, un’azienda del settore beauty che ha messo a disposizione, solo per i nostri lettori (e per un tempo limitato), i suoi prodotti di punta ad un prezzo vantaggioso.
L’azienda è diventata famosa grazie alla partecipazione al programma televisivo Shark Tank, un reality show  in cui i protagonisti sono aspiranti imprenditori che raccontano la loro idea e il loro business plan a potenziali investitori detti appunto “squali”.
I prodotti di CreaProducts sono per lo più prodotti Beauty, con particolare focus sul mondo dei capelli.
Abbiamo provato il crealash, uno strumento innovativo e flessibile che si adatta perfettamente ad ogni tipologia di occhio. E’ in sostanza una sorta di scudo che può essere usato sia sopra che sotto l’occhio durante l’applicazione del mascara, proteggendo la palpebra da sbavature ed ombre indesiderate.

Dettagli tecnici

  • Colore: Porpora e Grigio
  • Facile da pulire

Il prodotto di punta invece è un particolare marchingegno per…fare frangette perfette! Non ci credete? Date un’occhiata a questo video.

Se siete alla ricerca di un orologio che riesca a coniugare stile, qualità e prezzo allora Globenfeld, pregiata casa orologiaia del Regno Unito, vi presenta il nuovo marchio chiamato Anthony James of London.

Il lancio del nuovo brand Anthony James of London è solo l’ultima trovata per un’azienda che lavora ai suoi prodotti sin dal 1914, anno in cui Marcus Globenfeld nacque e si introdusse così in una famiglia di fini artigiani del tempo. Oggi Globenfeld crea modelli con un design realizzato specificamente per un pubblico sportivo e attento alla moda, una gamma di prodotti da apprezzare per la loro essenzialità.

Abbiamo provato la serie Vintage di Anthony James of London, un prodotto che richiama il gusto del vero gentleman inglese. Disponibile in diverse colorazioni come Midnight Blue, Arctic White e Black dial, abbiamo focalizzato la nostra attenzione su quest’ultimo.

Non appena apriamo la scatola veniamo rapiti dalla struttura in acciaio nero con i dettagli in oro rosa. All’interno della scatola troviamo il certificato di autenticità e il numero di modello. Ci rendiamo immediatamente conto di trovarci davanti ad un prodotto di alta qualità che viene venduto ad un prezzo davvero ragionevole,  mentre osserviamo il movimento delle lancette e apprezziamo la fattura del vetro protettivo

Con la numerazione dei numeri romani in oro rosa che si appoggia su un quadrante total black, non manca lo spazio per un contatore del calendario e un secondo quadrante per i secondi, posizionato nella parte inferiore. Con un cinturino in metallo che crea continuità con l’estetica della cassa, le proporzioni di questo orologio si distribuiscono omogeneamente intorno al polso creando una piacevole sensazione di compattezza.

Con un diametro della cassa di 40.5mm e un peso netto di soli 133 grammi, la serie vintage di Anthony James of London è Water Resistant fino ad un massimo di 30 metri di profondità.

Trovi gli orologi Anthony James of London su Amazon in offerta speciale direttamente su questa pagina

Inline
Inline