Lavorare con i videogiochi? Ecco il libro che introduce alla professione del 2022

Se, nel 2022, eravate ancora dell’idea che i videogiochi fossero un business di passaggio beh, sbagliavate.

Ad un passo dalla second life nel metaverso, nel momento in cui stiamo scrivendo, circa metà della popolazione mondiale gioca ai videogiochi.

Probabilmente avete appena smesso di giocare sul vostro smartphone, non è necessario possedere un computer dalle alte prestazioni o una playstation per passare del tempo ai videogiochi.

Il business dei videogiochi è in continua espansione e i governi di tutta Europa stanno comprendendo le potenzialità del benessere economico che può portare la gamification nei business. Basti pensare alle numerose misure di finanziamento che hanno portato centinaia di migliaia, se non milioni, di euro nelle casse di chi ha deciso di investire grazie ai fondi del MiSE in Italia o grazie ai fondi MEDIA europei.

La realizzazione di un videogioco, oggi, è come la scrittura di un libro o, meglio, come la realizzazione di un film…molto complesso. Non basta scrivere la storia e formare gli attori sulla psiche dei personaggi, bisogna programmarne movimenti, dinamiche di gioco e…renderli comandabili!

Realizzare un videogioco significa far parte di una tranche dell’industria culturale, all’interno della quale nuove e vecchie maestranze convergono nella creazione di un prodotto multimediale o, ancora meglio, transmediale.

Per questo motivo, soprattutto per aiutare chi vorrebbe introdursi nel mondo dell’industria videoludica, abbiamo deciso di recensire l’ottimo testo di Francesco Toniolo: “Lavorare con i videogiochi. Competenze e figure professionali”.

Questo libro vi permetterà di scoprire chi si cela dietro la nella scoperta delle professioni del videogioco: le competenze e i ruoli necessari sono moltissimi ed è importante conoscerli, così come è fondamentale approcciarsi a questo settore con la mentalità appropriata, a seconda delle proprie aspettative.

Così scopriremo chi è il game designer, come si realizzano gli step necessari per lo sviluppo delle grafiche 2D o 3D, quali sono gli strumenti e i software che vengono utilizzati nelle case di produzione e così via.

Francesco Toniolo

È docente a contratto di Game Culture alla NABA di Milano e di Forme e generi del cinema e dell’audiovisivo presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca. Si occupa principalmente di videogiochi, YouTube e comunità online.
Intorno a questi temi ha pubblicato articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali, contributi a volumi miscellanei e saggi monografici.

Per comprare “Lavorare con i videogiochi. Competenze e figure professionali” basta andare su amazon a questo link

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: