Nella prima stagione di Supergirl in onda negli USA sulla CBS, è stato introdotto il personaggio di Superman  soltanto di silhouette, come visione periferica, messaggio di testo e così via. Non abbiamo finora quindi avuto il piacere di conoscere il volto dell’uomo d’acciaio all’interno dell’universo televisivo che, ricordiamo, comprende altri popolari show come The FlashArrow Legends Of Tomorrow.

Sembra che per la seconda stagione, oltre al già annunciato crossing-over, ci sarà una sorpresa per i fan che si erano visti chiudere una porta in faccia qualche giorno fa, quando uno dei produttori della Warner Bros aveva dichiarato che non saranno presenti Batman Superman all’interno degli show televisivi. Questa decisione, probabilmente dovuta ad esigenze di franchise cinematografico, sembra essere rivoluzionata.

Warner Bros ha dichiarato in una nuova nota stampa:

“The iconic character of Superman will first be seen visiting his cousin Kara in National City at the beginning of the series’ second season.”

Nello show dedicato a Supergirl farà così il suo ritorno, quindi, il cugino Kal-El. Ed è subito speculazione su chi entrerà nel cast.

Qualcuno grida ad alta voce  il Tom Welling che interpretò il Superman della serie Smallville, ma c’è sicuramente qualcuno che spera che Henry Cavill possa far parte del cast in un cameo per dare un senso a tutto l’universo transmediale che si sta creando intorno a questi personaggi.

Superman apparirà nei primi due episodi della serie, in onda negli USA a partire dal prossimo Agosto.

Il sito francese Gameblog ha rivelato le prime indiscrezioni su un possibile seguito di Injustice: Gods Among Us, eccezionale titolo picchiaduro sviluppato da WB Games e ambientato nell’universo DC Comics.

Uscito nel 2013, il primo episodio ha totalizzato circa 4 milioni di copie vendute ed è stato offerto da Playstation come premio agli abbonati Playstation Plus lo scorso anno. Probabilmente, secondo Gameblog nei prossimi giorni assisteremo a un trailer di lancio di Injustice 2, forse anche prima dell’E3 previsto per il prossimo 14 giugno a Los Angeles.

Questo episodio sarà sempre sviluppato da Netherrealm Studios e utilizzerà lo stesso motore grafico visto in Mortal Kombat X.

È prevista l’uscita di Injustice 2 per Marzo 2017 per Ps4, Xbox One e PC.

Lo scorso 25 Maggio è andato in onda negli Stati Uniti l’episodio finale della seconda stagione della seguitissima serie distribuita da The CW e narrante le gesta del supereroe DC The Flash, l’uomo più veloce esistente.

La seconda stagione di questa serie TV ci ha condotti verso la conoscenza del multi-universo con il quale devono fare i conti in numerose storie tutti i supereroi della DC Comics, in particolar modo con la definizione dei due principali mondi: Terra-1Terra-2. L’introduzione del multiverso, permette la definizione di una particolare narrazione che non solo consente di tracciare i confini della produzione televisiva del supereroe scarlatto iniziata nel 2014, ma soprattutto di dare un senso alle storie raccontate negli anni precedenti sui rispettivi mezzi di comunicazione.

maxresdefault (8)

La presenza di Jay Garrick di Terra-3, doppleganger del padre di Barry Allen di Terra-1, non è altro che una conferma della natura di speedster di questa famiglia. Forse non tutti sanno che negli anni ’90 venne prodotta un’altra serie dedicata al fulmine scarlatto che aveva come protagonista proprio John Wesley Shipp nei panni di Barry Allen/Flash, non proprio una coincidenza insomma. E che dire della presenza di Mark Hamill (sì, proprio lui: Luke Skywalker) che appare come il villain Trickster sia nella serie televisiva degli anni ’90 che in quella più recente del 2014?

Cosa succederà quindi nella terza stagione? Sembra strano che la versione di Barry Allen del dopo-Zoom non sia scomparsa come quella che decise di non salvare Nora Allen dall’incidente con Reverse-Flash. Probabilmente Barry non sarà mai The Flash e non vivrà con Joe ed Iris West. Ci sono molte probabilità che torni la versione malvagia di Eobard Thawne così come quella di Eddie. Sarebbe davvero un loop abbastanza deprimente per noi spettatori. 

Spesso, quando uno show crea una linea temporale alternativa, ci vengono mostrate entrambe in montaggio alternato. Questo è quello che potrebbe succedere con la prossima stagione di The Flash, almeno così prevede il sito Collider che ci riporta una serie di domande aperte sul futuro di questa serie TV.

La costruzione di mondi alternativi permette così allo spettatore di porsi delle domande e cercare delle risposte su altri prodotti presenti sul mercato al fine di produrre sempre più conoscenza sulle vicende degli eroi delle storie. Per quanto riguarda gli universi di The Flash, le combinazioni sono praticamente infinite, in quanto la possibilità di creazione di nuovi velocisti e di villain doppleganger degli alleati di Terra-1 sembrano non potersi esaurire all’esiguo numero di personaggi sconfitti nella seconda stagione del telefilm.

E voi? Cosa pensate di vedere nella terza stagione di The Flash? Scrivetecelo nei commenti qui sotto e scriveremo un’articolo con le vostre supposizioni!

Dopo aver assistito all’incubo di Batman in Batman contro Superman: Dawn of Justice , sembrava che il villain di Justice League: Part One sarebbe dovuto essere Darkseid o lo stesso Superman in una differente condizione o in un differente piano dimensionale come Terra 2.

Tuttavia, il sito Birth.Movies.Death, ipotizza che nessuno tra questi personaggi potrà essere il nemico principale nel primo film corale dedicato ai supereroi DC. Al contrario, pare che questo nemico sia già stato rivelato in una scena tagliata che vi riportiamo qui sotto:

Secondo il sito in questione, il protagonista di questa scena potrebbe essere Steppenwolf, lo zio di Darkseid nei fumetti, e sarà proprio lui il nemico principale del film Justice League: Part One. Passando al lato transmediale della questione, nella serie a fumetti The New 52 Steppenwolf decide di invadere la Terra, cosa che richiederà l’apporto di tutta la carica della Justice League e un certo ritorno dalla tomba dell’Uomo d’Acciaio.

Probabilmente la scelta di inserire il personaggio di Steppenwolf come una sorta di prologo all’arrivo di Darkseid potrebbe essere una mossa interessante da parte di Snyder che gli permetterebbe di rilanciare la manovra diegetica iniziata con Batman Vs Superman, a mio avviso un film troppo carico di linee narrative con pochi ed errati collegamenti. Una sorta di insalatona, insomma.

Ci aspettiamo che Darkseid faccia sicuramente un’apparizione in Justice League: part one, ma sarà probabilmente alla fine del film. Inoltre, alcuni film stand-alone come The Flash saranno posizionati nel tempo subito dopo il primo capitolo dedicato alla lega di eroi, permettendo una migliore presentazione del villain e dei suoi poteri. A giudicare dalla grande presenza di riferimenti all’interno di Batman Vs Superman, i prossimi film ricadranno sicuramente nel meccanismo del teaser movie, una tipologia di produzione propagandistica legata al transmedia storytelling di cui vi ho parlato in questo articolo comparso anche su Wired Italia.

Qualche giorno fa, mentre scorrevo la timeline su twitter, mi sono imbattuto in un’immagine davvero divertente che ragionava su un carattere preciso del franchise Warner Bros relativo ai nuovi film dei supereroi DC. Questo carattere particolare è, probabilmente, il marchio di fabbrica delle produzioni di Christopher Nolan: il color grading tendente al nero.

IMG_5373

 

Ma siamo davvero sicuri che le scelte adottate nella colorimetria dei film dedicati al cavaliere oscuro si adattino anche al mood narrativo dell’uomo d’acciaio venuto da Krypton? Onestamente, non mi sono mai trovato molto d’accordo sulla scelta di oscurare un film dedicato ad un supereroe che, già abbastanza schiaffeggiato dalla adolescente versione televisiva, risulta essere un guardiano della luce più che dell’ombra. Il problema però, in questi casi, non esiste tanto a valle quanto a monte. Difatti la sceneggiatura di Man Of Steel ha dei caratteri che rendono il nostro supereroe in conflitto con le ombre del suo passato, in questo leitmotiv che è stata la narrazione dell’eroe caduto anche per quanto riguarda tutta la produzione relativa alla fase II della Marvel. Insomma, un continuo cadere e rialzarsi. Probabilmente perchè si era al buio.

A questo proposito mi trovo d’accordo con le considerazioni fatte da uno studio grafico chiamato Visual Lab che ha realizzato un video comparativo in cui, nella scelta di alcune sequenze, è stato possibile ripristinare i colori dei film dedicati a Superman con l’invito a procedere in una direzione interessante nel prossimo film dedicato allo scontro tra i due eroi DC.

Il fatto che i due supereroi siano caratterizzati da colori e luci così diverse potrebbe essere uno spunto per definire il contrasto tra i due anche sulla pellicola. Se così fosse sarebbe più interessante definire il contrasto tra la luce e l’ombra, tra il colore e l’oscurità, per capire finalmente chi avrà la meglio. Anche al cinema.

Finalmente sono riuscito a recuperare tutte le puntate di The Flash, una serie dvero promettente che mi eva rapito già durante l’estate dopo er visto pochi secondi di trailer online. La storia è tratta dall’universo a fumetti DC e parla delle venture di Barry Allen, un ragazzo diventato il più veloce al mondo dopo essere stato folgorato da un fulmine causato dall’esplosione di un accelleratore di particelle.

Ero già un fan di Flash negli anni 90, quando in TV imperversa una versione del supervelocista più goffa e grassa, ma sono stato contento di una nuova visione del DC universe in chie cross-storytelling. Vi parlo di incroci in quanto The Flash incastra le sue trame con quelle di un’altra serie molto seguita dedicata al lato oscuro di Oliver Queen. I più informati sapranno che vi sto parlando di Arrow.

La manovra di incrocio è dvero interessante se non fosse per il fatto che in una precedente proposta della DC in televisione, non così lontana, siano state proposte un paio di soluzioni che anticipano la voglia di vedere in tv la freccia verde e il velocista rosso.

Vi sto parlando di Smallville, in cui vediamo comparire entrambi i personaggi delle successive serie DC come possibili alleati e/o partecipanti della Justice League.

[banner]

Per quanto riguarda Oliver Queen alias Arrow, il suo personaggio è praticamente essenziale per lo svolgimento delle ultime stagioni e, sinceramente, non riesce ad eguagliare lo stile dark della sua versione contemporanea.

Flash invece compare in un episodio chiamato “Run” con il nome di Bart Allen e riesce a battere in velocità lo stesso Clark Kent, possiamo vedere una clip qui sotto:

Simpatico vedere come Superman arranchi nel cercare di raggiungere il piccolo Barry.

Successivamente The Flash comparirà nell’episodio Justice e sarà vestito come Arrow, qualcosa era già nell’aria insomma. Nonostante questi continui rimandi all’uomo più veloce del mondo, c’è da ricordare il fatto che in Smallville Clark Kent non ha mai imparato a volare nelle prime stagioni e, spesso e volentieri, è stato soprannominato La Macchia. Non vi sto parlando di un Area di servizio nei pressi di Roma, ma di un soprannome che è stato dato, vi possa sembrare strano o meno, a Barry Allen in The Flash fino a quando il super-meta-umano non ha deciso di battezzarsi come Il Lampo. O il tuono, fate voi.

La Justice League in Smallville con The Flash e Arrow

In ogni caso The Flash nasce per un pubblico simile a quello di Smallville e ne riprende un pò l’andamento (il protagonista è innamorato della sua migliore amica ma non può rivelarle i poteri e quindi lei sta insieme ad un altro biondo, bello e con un buon loro) e inoltre ne mantiene gli archetipi di famiglia, paternità, amore ecc.

Sicuramente meglio di Gotham, su cui mi sono già pronunciato in questo articolo.

E voi cosa ne pensate?

Il regista Zack Snyder ci regala una seconda immagine ufficiale, che stolta ci mostra il nuovo Batman di Ben Affleck così come apparirà nel sequel Batman vs. Superman.

Affleck interpreterà Bruce Wayne / Batman con delle fattezze sicuramente molto più massicce rispetto a quanto eramo abituati a vedere nella trilogia di Christopher Nola. Insomma, una bella panza.

Voi cosa ne pensate?

Batman-vs.-Superman-nuova-immagine-ufficiale-del-Batman-di-Ben-Affleck-1

Le ultime premesse e le reazioni del pubblico alla vista di AffleckBatman lasciano presagire un futuro decisamente oscuro per il film che dovrebbe realmente aprire le danze con la JLA, ma non è solo questo il film sulla Justice League è un insuccesso annunciato già da ora si vedono i presupposti per un film che rischia di scalzare Corsari dalla sua impresa di flop cinematografico da primato mondiale.

[banner]

1) Il fattore età: Superman, Batman, Wonder Woman hanno un target di pubblico mirato tra persone che leggeva i fumetti negli anni sessanta, al massimo settanta, questa tipologia di persone non si possono attirare al cinema con un blockbuster in stile engers, mentre tra i ragazzini il trio di sopra sta cominciando ad ere più haters che altro visto che sono eroi con cui un adolescente o un ragazzo difficilmente riesce ad immedesimarsi.

715

2) Aquaman: Tanto basta. Lo si può provare a rilanciare mille volte, ma sembrerà sempre Spongebob supereroe è lontano miglia nautiche da Namor la sua controparte Marvel, la sua serie è stato un flop prima di iniziare il suo film diverrà un flop al primo trailer.

Spongebob_VS_Aquaman_by_MysticMorgan

3) Il fuoco amico: I serial televisivi nello stesso “universo” stanno andando alla grandissima tanto che Flash è stato spostato dal grande schermo al piccolo schermo con una serie tv tutta sua e le reazioni dei fan alla possibile presenza di Harley Quinn e Nightwing nella prossima serie di Arrow hanno fatto sobbalzare tutti dalla sedia. Se tutto il bello ed il figo di quest’universo posso vederlo in tv perché mai dovrei pagare per vedere al cinema più o meno la stessa cosa?

[banner size=”336X280″]

4) I Villain: Per rendere grande un eroe, o un gruppo di eroi, hai bisogno di un grande cattivo. La Marvel lo ha capito con The Winter Soldier, Nolan con il suo Joker ed alla JLA resta poco da tirare fuori dal cilindro. I flop dei Fantastici Quattro e Lanterna Verde sono proprio dovuti a cattivi poco adatti al cinema ed a Batman e Superman resta solo o il rischioso Darkseid o il possente Lex Luthor, sperando che la gente abbia già dimenticato la magistrale versione di Rosenbaum e la pessima di Spacey.

Heath-Ledger-è-il-Joker

5) Il fattore tempo: Il tempo è il nemico principale, mentre loro arrancano cercando di correre dietro alla Marvel gli engers saranno già alla fase tre quando inizierà la fase uno e la gente potrebbe iniziare a stancarsi di supereroi come si è stancata in passato di western, di pirati, di maghi e via dicendo. Insomma il tempo è il loro nemico principale e loro sembrano non accorgersene.

La DC Comics ha ancora un ancora di salvezza per salvare il suo franchise, ma dovrebbe e potrebbe capirlo analizzando questi cinque punti senza pensare soltanto che mettendo un accozzaglia di eroi famosi in un solo film dovrebbero andarlo a vedere tutti e sparare un unica cartuccia tirandola fuori dai serial tv: I Titani.

[banner size=”336X280″]

Inline
Inline