Will Smith è un attore decisamente poliedrico, a tal punto che risulta difficile considerare un lato unico della sua personalità. Lo abbiamo visto sconfiggere gli alieni nella “cintura di Orione”, scappare dai bulli della sua città per andare a vivere nella casa di Bel Air dei suoi zii, diventare un supereroe così come un supervillain e restare sulla Terra come ultimo superstite della nostra specie.

Questa volta, forse già più di altre, mi sento di fare una piccola previsione sul futuro di questo attore e del prossimo film di cui sarà protagonista. Collateral Beauty è un film che ha subito una serie di cambiamenti in corso di produzione. C’è voluto un po’ di tempo, con un po’ di agitazioni nel casting e cambi alla diregia ma Collateral Beauty sarà nei cinema statunitensi il 16 dicembre. Con la regia di David Frankel, già noto per film come Il diavolo veste Prada vedremo Will Smith al fianco di Keira Knightley , Helen Mirren ed altri.

Con il primo trailer rilasciato da Warner Bros ci rendiamo conto della trama di questo film, nel quale avvertiamo subito il disagio che vive il personaggio di Will Smith con la sofferenza di aver perso sua figlia. Questi, inizierà un percorso di scrittura terapeutica e incontrerà quasi magicamente le personificazioni di Tempo, Amore e Morte.

Il mio consiglio è di vedere il trailer per rendersi conto di come una sinossi che può essere banalmente ispirata ad un racconto di Carroll riesca a riempirsi di toni malinconici ma al tempo stesso purificatori. La sensazione è che l’intero film possa andare incontro a una catarsi profonda della nostalgia e del rancore, verso un eccezionale dinamismo di un personaggio che incontriamo chiuso in sé stesso.

A mio modesto avviso ci sono tutti i presupposti per un paio di candidature agli Oscar come miglior attore per Smith, migliore attrice non protagonista per una tra la Knightley e la Mirren e migliore sceneggiatura. Staremo a vedere.

Una cosa è il marketing per l’uscita di un film, un’altra è giocare con i sentimenti delle persone. La Paramount Picture ha giocato un colpo davvero basso inserendo un annuncio su AirBnB per il noleggio a soli 9€ per notte di una stanza alquanto particolare al centro (più che al centro, al di sotto) di Manhattan.

Si tratta di un appartamento con 3 camere da letto che la Paramount ha trasformato nel covo delle Tartarughe Ninja, per promuovere il prossimo film in uscita su questi eroi.

L’affittuario su AirBnB è, ovviamente, il carissimo Leonardo che spiega una serie di regole per il fitto della struttura:

Hey dudes! Looking for a dojo where you can practice your ninjitsu skills? Our secret lair in Manhattan is THE place to order up a pie, shoot some hoops & chill with your squad. Don’t sweat the 10 bucks, we’ll pay you back after you stay. Good times!

Una notte costa soltanto 9€ e parte dei proventi delle vendite saranno devoluti al PACER’s National Bullying Prevention Center, un centro di prevenzione per giovani control il fenomeno del bullismo nelle scuole e negli ambienti pubblici. Se tutte le notti sono state già prenotate, allora potete provare a partecipare al concorso seguendo questo link: https://www.airbnb.com/night-at/TMNT

Questo dojo hight-tech, spiega Leonardo, è un dojo dotato di ogni tipo di attività: un campo di pallacanestro che si illumina al buio, una postazione di per retro.game, TV e videogames per una serata in stile ninja! Nell’offerta è inclusa anche un bel po’ di pizza e, al check-out, “some swag for you” che in slang significa qualcosa tipo “un po’ di materiale in regalo”, diciamo così.

Qui le foto del posto.

Ci siamo. Dopo numerosi annunci e ritardi nella produzione di vario tipo, sembra che il film di Assassin’s Creed sia finalmente pronto a mostrarsi ai fan di tutto il mondo.

Tratto dalla famosa saga di videogiochi nella quale Desmond Miles, discendente di un’antica dinastia di assassini, rivive i ricordi dei suoi antenati, su cui si basa il gioco, per aiutare la cosiddetta Confraternita degli Assassini a combattere i Templari, il film procede verso una linea narrativa differente, alla ricerca di nuove sfumature all’interno della storia che milioni di videogiocatori in tutto il mondo hanno apprezzato.

20th Century Fox ha rilasciato così il primo trailer di Assassin’s Creed. Diretto da Justin Kurzel  ( Macbeth ), il film vede Michael Fassbender interpretare un condannato a morte chiamato Callum Lynch, che viene “salvato” dalla compagnia Abstergo al fine di collegarlo ad una tecnologia chiamata Animus per fargli rivivere i ricordi del suo antenato Aguilar vissuto nel XV secolo in Spagna.

Nel film sono presenti Michael Fassbender, Marion Cotillard,Jeremy IronsBrendan Gleeson, e Michael K. Williams.

La scelta di inserire un nuovo protagonista della storia permette di proseguire sulla linea di narrativa transmediale che Ubisoft ha sempre voluto per questo prodotto. La necessità di raccontare un universo narrativo più che una singola storia ha portato, già soltanto sul media videoludico, ad esplorare nuove storie di eroi alla ricerca del proprio passato attraverso la sempre più evoluta tecnologia dell’Animus.

Attualmente il franchise di Assassin’s Creed conta la produzione di oltre 14 episodi del videogioco (tra storia principale e spin-off) e di numerosi romanzi e cortometraggi che hanno accompagnato l’uscita dei capitoli interattivi.

La manovra di transmedia storytelling di Ubisoft si è sempre dimostrata molto efficace. La creazione di un universo da cui attingere una serie di storie aiutano lo spettatore ad appassionarsi alle vicende degli eroi e a ricercare sempre più informazioni su differenti media, soprattutto sul web. A tal proposito c’è da dire che le enciclopedie “wiki” di questo progetto abbondano di contributi da parte di utenti di tutto il mondo, con aggiornamenti che non hanno nulla da invidiare a produzioni come quelle del Signore degli Anelli e di Star Wars, giusto per fare un esempio.

Catturare l’attenzione dello spettatore non è però sempre l’unico goal da raggiungere. Spesso, c’è bisogno di creare storie attendibili e verosimili. Per questo motivo, inserire una buona dose di mistero ad avvenimenti storici realmente accaduti è stato, secondo il mio modestissimo parere, il punto di forza di una produzione che ha saputo sviluppare una storyline ramificata, affidando un prodotto ad ogni unità narrativa.

Il film in uscita il 21 dicembre viene così presentato come un nuovo capitolo della storia con un nuovo protagonista e nuova linea temporale del passato. Possiamo apprezzare i dettagli degli effetti speciali, un teaser sul fantastico volo dell’aquila nel finale del trailer, ma soprattutto la fotografia che riporta la memoria ai capitoli del videogioco in cui non ci dovevamo destreggiare tra guerra di secessione, pirati e strani aggeggi londinesi dei primi del ‘900.

L’unica preoccupazione riguarda la scelta della musica di presentazione di questo trailer che, probabilmente, sarebbe stata più adatta a una trasposizione cinematografica di Grand Theft Auto. Ma, dati i clamorosi flop sul grande schermo di tante saghe videoludiche, possiamo ritenerci, almeno per il momento, soddisfatti di vedere questo risultato.

Questo articolo è comparso su Wired Italia a questo link ed è stato condiviso su questo blog secondo le norme Creative Commons 3.0

Se siete conoscitori del cinema internazionale Pablo Larrain non dovrebbe suonarvi nuovo. Larrain, regista del film Il Club inquietante riflessione sul collegamento tra sacerdoti e pedofilia, molestie e truffe della Chiesa cattolica. Oltre a questo film molto discusso ritroviamo anche alcune uscite tra cui Tony Manero, post mortem e No.

La nuova produzione si chiama Neruda e racconta la storia del famoso poet ai tempi dell’iscrizione al partito Comunista nel 1940. Il poeta sarà interpretato da Luis Gnecco , un brillante performer cileno, ma il grande nome del film è Gael Garcia Bernal , che interpreta l’ispettore incaricato a dare la caccia a Neruda. I più informati tra voi conosceranno sicuramente questo bravissimo attore per la sua partecipazione alla serie originale di Amazon “Mozart in the Jungle” di cui è protagonista.

Il trailer di Neruda è già disponibile e la pellicola è in cerca di distribuzione mondiale, sarà possibile vederlo al prossimo festival di Cannes se sarete tra i fortunati presenti  alla kermesse francese.

Vi ricordate del film Be Kind Rewind di Michel Gondry?

In questa pellicola i due protagonisti, interpretati in modo eccezionale da Jack Black e Mos Def, sono obbligati a dover rigirare in prima persona, in presa diretta e con mezzi di fortuna, tutti i film della videoteca chiamata appunto Be Kind Rewind. Immaginate che risultati bizzarri, catalizzati dalla grande simpatia dei due personaggi e dalla ricreazione “gigionesca” di storici film come GhostBusters!

 




In questo caso, la versione “maroccata”  detta anche, senza tradurre il termine dall’inglese, “sweded” colpisce uno dei trailer più discussi degli ultimi mesi. Stiamo parlando di Star Wars VII

Qui il video

Ed eccoci finalmente al tanto atteso teaser trailer del nuovo capitolo dedicato alla saga di Star Wars, nelle mani del grande JJ Abrams che ormai non ha più bisogno di presentazioni. Devo dire che nel trailer riusciamo a capire già qualcosa di definito. remo un protagonista di colore vestito da storm trooper (vi ricorda qualcosa la scena con Luke Skywalker vestito così?), una donna che presumibilmente farà parte della famiglia reale e il risveglio della forza oscura, più medievale che mai (nella foto uno spadone laser mistico).

Vi lascio alla visione!

 

Arriva il trailer del film nato dalla collaborazione tra Scarlett Johansson e Luc Besson. Il nome del film è Lucy e parla di una ragazza che lora come corriere della droga e, un giorno, scopre di er acquisito delle capacità extraterrestri grazie alla sostanza che trasporta, capace di potenziare fisico e mente.

Una sorta di Limitless con Scarlett Johansson. E mica poco!

Vi commento in maniera diretta le mie impressioni sul trailer:

[banner]

Scarlett si sveglia in un letto dopo una nottata di follie, buon per lei. Viene rapita da un gruppo di cinesi che la portano in un ascensore di quello che sembra essere un albergo di lusso, da qui viene portata in un magazzino dove un altro gruppo di asiatici la riempie di botte.

Dopo er ricevuto una lezione alla Old Boy qualcosa di nuovo accade in lei, prima delle convulsioni e poi gli occhi si trasformano velocemente.

Ecco ora Lucy è di nuovo seduta con la stessa faccia vendicativa di Liam Neeson in “Io vi troverò”: poveraccio quello che entra dalla porta che dovrà subire la furia “à la Luc Besson”.

Parte la vendetta, Lucy è armata di pistola. Vediamo Morgan Freeman nelle vesti di professore che tenterà di capire le abilità della sua amica.

Assistiamo a una serie di superpoteri piuttosto originali che mi hanno lasciato con l’ansia di correre al cinema a vedere questo film per almeno 90 buoni minuti d’azione e di risate come solo questo regista sa darci.

Nel frattempo Scarlett Johansson è al cinema con Captain America: The Winter Soldier

Inline
Inline