Scopri Napoli: una passeggiata mistica nelle Catacombe di San Gennaro

#suppliedby

Se hai intenzione di andare a visitare Napoli, una delle cose che senza dubbio non può mancare nell’itinerario sono le Catacombe di San Gennaro.

Una passeggiata nel quartiere Sanità di Napoli ti porterà alla riscoperta di antiche storie, cinte tra opere murarie sotterranee dall’inestimabile valore artistico e culturale.

Basta un’oretta, accompagnati da una delle preparatissime guide dell’associazione La Paranza, per capire che Napoli è una città stratificata.

Come una torta millefoglie, come una sfogliatella riccia, anche Napoli riesce a celare i suoi sapori in una serie di livelli di storia, arte e cultura.

Partendo dall’ingresso sito in Capodimonte sarà possibile avviare il viaggio verso luoghi che hanno subito importanti cambiamenti nel corso dei secoli, prima luoghi di sepoltura, poi di culto e, ancora, di protezione dagli attacchi di guerra.

Le Catacombe di San Gennaro sono organizzate su due livelli con spazi davvero ampi, ciò le differenzia particolarmente dalle catacombe romane. La lavorabilità e la solidità del tufo hanno permesso lo scavo e la costruzione nel II secolo d.C. Inizialmente il sepolcro di una famiglia gentilizia, successivamente spazi adibiti a culto dalla comunità cristiana.

Nel IV secolo d.C. vennero lì deposte le spoglie di Sant’Agrippino, primo patrono di Napoli, zona in cui i fedeli potevano toccare la sua tomba e scegliere di essere sepolti vicino a lui.

La catacomba inferiore è quindi sviluppata attorno alla Basilica di Sant’Agrippino, permettendo di entrare silenziosamente in un luogo senza tempo.

Il vestibolo inferiore vi accoglierà con una grande vasca battesimale voluta dal vescovo Paolo II, che nell’VIII secolo si rifugiò nelle Catacombe di San Gennaro.

L’espansione della catacomba superiore invece è iniziata con la traslazione nel V secolo delle spoglie di San Gennaro, vescovo di Benevento.

Meta di pellegrinaggio e luogo ambito per la sepoltura potrete visitare la Cripta dei Vescovi, dove erano sepolti i vescovi della città e la maestosa basilica adjecta, una basilica sotterranea a tre navate, realizzata dopo la traslazione dei resti di San Gennaro. (Fonte: catacombediNapoli.it)

Alcune foto della nostra esperienza

La nostra esperienza ci ha permesso di esplorare il luogo con una delle guide che ci ha ispirato durante la nostra passeggiata a conoscere qualcosa in più sui luoghi storici e sulla valorizzazione del quartiere Sanità a Napoli, teatro di questi eventi.

Un po’ di info sulla visita

  • Costo del biglietto: 9 euro (valido per 1 anno per visitare anche le Catacombe di San Gaudioso)
  • Attualmente il cimitero delle fontanelle è chiuso per manutenzione (alla data di Febbraio 2022)
  • La visita consiste in tour di gruppo accompagnato da una guida
  • Necessario super green pass (alla data di Febbraio 2022)
  • Il clima è molto umido, si consiglia di portarsi una giacca più pesante.
  • Possibilità di scegliere tra guida in italiano o in inglese.
  • Tour ogni ora, prenotabile online o in loco.

Ne vale la pena?

A nostro avviso è un’esperienza molto suggestiva, quasi mistica, per cui ci sentiamo di consigliarla a tutti coloro che visitano Napoli. Le guide che accompagnano nella visita sono molto gentili e competenti, rispondono alle domande dei visitatori e soddisfano le loro curiosità.
Certo, sarebbe bellissimo poter effettuare la visita anche in modo autonomo, magari con una guida virtuale, per avere il brivido di esplorare le catacombe anche in solitaria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: